Diventa chi sei destinato ad essere.

Diventa chi sei destinato ad essere.

Diventa chi sei

Se sei su questa pagina, è probabile che anche tu condivida la Verità dell’anima, il fatto che siamo esseri spirituali vestiti di questo corpo, qui per fare esperienza e per imparare. Purtroppo non nasciamo con il libretto delle istruzioni: per me arrivare a comprendere è stato un viaggio di scoperta durato molti anni. Parte del Cammino è stato proprio il trovare, di briciola in briciola, come una caccia al tesoro, questo fantomatico libretto che illustrasse il senso della vita. Ora lo conosco: diventare chi già siamo, come una ghianda che ha in sé già la quercia, che però deve nascere e crescere e manifestarsi nel mondo. Per diventare chi siamo abbiamo bisogno di imparare a vivere la vita come se fosse un’opera d’arte, un viaggio, una storia d’amore. Spetta a noi scoprire cosa ci dà gioia, come mettere a disposizione della creazione i nostri talenti, come diventare i protagonisti del Viaggio dell’Eroe.

Fare anima, diventare sé stessi: ecco il significato della vita.

Il Codice dell’Anima, di James Hillman, è il libro che più mi ha aiutata a trovare il mio manuale di istruzioni. È stato una guida importante lungo il cammino di autorealizzazione per dare un senso alla mia vita. Senso inteso anche – ma non solo – come direzione.

Hillman riprende il mito platonico per cui accanto ad ognuno di noi vive un daimon, che conosciamo anche come angelo custode, che ha il compito di guidarci a realizzare il nostro potenziale per una vita appagante e ricca di successi.

Ecco una citazione dal testo che riassume questa teoria, rivoluzionaria in quanto contestualizza tutti i traumi subiti: non sono più degli accidenti del passato ma diventano intuizioni sul futuro. Traumi e sfighe varie come mattoncini della personalità e dell’autorealizzazione.

Cosa dice Hillman

“Prima della nascita, l’anima di ciascuno di noi sceglie un’immagine o disegno che poi vivremo sulla terra, e riceve un compagno che ci guidi quassù, un daimon, che è unico e tipico nostro. Tuttavia, nel venire al mondo, dimentichiamo tutto questo e crediamo di esserci venuti vuoti. È il daimon che ricorda il contenuto della nostra immagine, gli elementi del disegno prescelto, è lui dunque il portatore del nostro destino.
Secondo Plotino (205-270 d.C.), il maggiore dei filosofi neoplatonici, noi ci siamo scelti il corpo, genitori, il luogo e la situazione di vita adatti all’ anima e corrispondenti, come racconta il mito, alla sua necessità. Come a dire che la mia situazione di vita, compresi il mio corpo e i miei genitori che magari adesso vorrei ripudiare, è stata scelta direttamente dalla mia anima, e se ora la scelta mi sembra incomprensibile, è perché ho dimenticato. E Platone racconta quel mito affinché non dimentichiamo; infatti, come spiega nelle ultimissime righe, salvando il mito potremo salvare noi stessi e prosperare. Il mito, insomma, svolge una funzione psicologica di redenzione, e una psicologia derivata dal mito può ispirare una vita fondata su di esso.
Il mito porta anche a mosse pratiche.
La più pratica consiste nel vedere la nostra biografia avendo presenti le idee implicite nel mito, e cioè le idee di vocazione, di anima, di daimon, di destino, di necessità. Poi, suggerisce il mito, dobbiamo prestare particolare attenzione all’infanzia, per cogliere i primi segni del daimon all’opera, per afferrare le sue intenzioni, non bloccargli la strada. Le altre conseguenze pratiche vengono da sé: a) riconoscere la vocazione come un dato fondamentale dell’esistenza umana, b) allineare la nostra vita su di essa; trovare il buon senso di capire che gli accidenti della vita, compresi il mal di cuore e i contraccolpi naturali che la carne porta con sé, fanno parte del disegno dell’immagine, sono necessari a esso e contribuiscono a realizzarlo”.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La tua casa parla di te

La casa è una parte della vita molto pratica e concreta, ma è anche un elemento sostanziale della psiche di una persona che si riflette tra le mura: per questo mi occupo di diverse sue sfaccettature. Ti capita quando vai in vacanza di sentirti “come a casa”? È una...

Il significato del sacro: il sacro è equilibrio

Il Sacro si trova nell'equilibrio. Il concetto di Sacro è intrinsecamente legato al concetto di equilibrio, di sintesi tra gli opposti.Non ho mai trovato nessuno che descrivesse così bene il “sacro” quanto il buon Umberto Galimberti, che adoro, sebbene la pensi in...

Modificare le abitudini

Chi comanda? Siamo sempre certi di poter fare quello che desideriamo, o talvolta le abitudini che non riusciamo a modificare prendono il sopravvento su di noi? Siamo padroni di scegliere cosa fare con le emozioni che proviamo, di come comportarci quando un'emozione ci...

Esiste il libero arbitrio? Forse no.

Esiste il caso? In una notte di un freddo inverno milanese, due donne si smarriscono nella nebbia e sbagliano uscita sulla tangenziale. Una è di Milano, l'altra di un paesino del Nord Est. Vengono fermate da un poliziotto - è mercoledì e sono le tre, già di per sé...

Come si svolge una seduta di counselling?

Chi non è mai entrato nello studio di un terapeuta immagino si chieda che cosa accada durante una seduta di counselling. Si possono fare illazioni, soprattutto complici svariati film, si può pensare che si chiacchieri, si parli e basta, per dipanare la matassa. Á la...

Tutto sul counselling

Cos'è il counselling Il counselling è uno spazio in cui si manifesta una relazione di aiuto. È l'incontro tra il cliente, che chiede aiuto nel risolvere una propria situazione personale, familiare, di lavoro, e il professionista che, forte di una formazione triennale...

Dimmi come hai arredato la tua casa e ti dirò chi sei

Come i colori e gli ambienti della nostra casa ci influenzano e raccontano di noi.

Puoi sempre scegliere chi essere

Bando alle ciance, scegli chi essere e come sentirti. Scegliere il tuo stato d'animo e scegliere chi essere in ogni momento è possibile. È tutto un gioco di piste neuronali. Come le piste polistil con cui si giocava decenni fa, in cui le macchinine erano agganciate ad...